Archivio per la tag 'lim'

Toporopa: sito di giochi educativi online gratuiti sulla geografia dell’Europa

Toporopa è un sito di giochi educativi online gratuiti sulla geografia dell’Europa.

Si tratta di un sito web didattico con 18 giochi per mettere alla prova e migliorare le conoscenze geografiche sull’Europa.

Argomenti trattati:

  • Stati, Capitali, Bandiere.
  • L’Unione Europea, la Zona Euro, le Monarchie.
  • Regioni, Isole, Penisole, Montagne, Vulcani.
  • Mari, Laghi, Fiumi, Stretti.
  • Aree metropolitane, Porti, Battaglie celebri.

I giochi a tema geografico sono divertenti e aiutano gli studenti a creare una mappa mentale organica dell’Europa, così da rendere più facile la comprensione e la memorizzazione di nuove nozioni geografiche.

Giocare è semplice e non richiede registrazione. La grafica chiara e il formato a schermo interno rendono i giochi estremamente adatti all’uso in classe tramite lavagna interattiva.

I giochi sono disponibili in italiano e in altre dieci lingue.

Maestra Natura: progetto di scienza e alimentazione per bambini della scuola elementare

Maestra Natura è un un progetto di scienza e alimentazione per bambini della scuola elementare portato avanti da Annamaria Gimigliano in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità.

Riporto quanto mi segnala la curatrice.

Il carattere di innovatività del progetto è nel fatto di essere completamente “hands-on”, ossia utilizza lo stesso approccio dei science center più evoluti: si apprende attraverso la sperimentazione.

Il progetto è composto di sei sezioni:

  1. scopri, rivolta a bambini e insegnanti, contiene 32 unità didattiche in ppt scaricabili dal web o visualizzabili in un’aula multimediale, che affrontano i vari temi dell’alimentazione, da quelli storici a quelli scientifici. Si parte dalla piazza del mercato e si può entrare in 8 “luoghi” diversi: il fruttivendolo, il forno, il lattaio, il macellaio, la pescheria, la cucina, la tavola, i rifiuti;
  2. esperimenti, rivolti direttamente ai bambini, che possono essere realizzati nella cucina di casa coinvolgendo i genitori, e permettono di apprendere concetti fondamentali di chimica e fisica che influenzano le piccole azioni quotidiane;
  3. ricette (vere, ottime e facilissime), che possono realizzare i bambini con la supervisione dei genitori, per sperimentare in maniera ancora più divertente quanto è importante conoscere la chimica e la fisica anche per realizzare una bella fetta di torta;
  4. blog, suddiviso in tre categorie: “scoperte e scienziati”, “lo sapevi che…”, “fa bene o fa male” per completare i concetti emersi e non approfonditi nelle precedenti sezioni;
  5. quiz, per mettersi alla prova su quanto appreso;
  6. link, per segnalare i siti più autorevoli e divulgativi in materia di alimentazioni nonché i blog dei maestri che ci hanno aiutato in questo progetto.

Le sezioni attualmente in sviluppo sono quelle relative a “esperimenti” e “ricette” che saranno completate entro fine marzo. Quindi inizieremo a pubblicare contenuti sul blog con l’obiettivo di arrivare per l’inizio del prossimo anno scolastico ad avere pronte le sezioni “scopri” e “gioca” affinché ci siano contenuti utilizzabili anche in aula.

Il sito è ancora parzialmente riservato, perciò per accedere ad alcuni contenuti è necessario registrarsi.

Il sito nasce dal desiderio di sperimentare nuovi approcci alla divulgazione di contenuti complessi rivolti ai bambini. Oltre ai bambini questo progetto si rivolge anche ai genitori, offrendo spunti per condividere attività interessanti e gratificanti con i propri piccoli.

Per il momento il progetto non ha ricevuto finanziamenti ed è portato avanti nell’ambito delle attività di start-up di una micro-impresa. Fortunatamente il progetto ha ottenuto il supporto dell’Istituto Superiore di Sanità che ha messo a disposizione numerosi ricercatori e questo consente di limitare i costi e aumentare il valore del progetto.

Insomma un progetto molto interessante, meritevole di esere seguito nella sua evoluzione.

Come connettere un iPad alla LIM

Mi sono posto il problema di come connettere un iPad alla LIM in modo da mostrare sullo schermo della classe le numerose attività che si possono svolgere con il tablet.

Naturalmente dipende molto dalla configurazione hardware a disposizione ma possiamo provare vari metodi che mi limito a suggerire:

  1. usare un cavo VGA, metodo non comodissimo visti i limiti della connessione via cavo
  2. usare la Apple TV, connettendo l’iPad per condividerne lo schermo (metodo troppo costoso perché si deve compare un’Apple TV)
  3. usare AirServer, un’applicazione che costa 15 dollari (circa 11 euro al cambio attuale), che funziona su Mac, iOS e Windwos e che serve sostanzialmente a connettere iPad e iPhone ad un computer in wi-fi

Di sicuro il metodo migliore e più funzionale.

L’app può essere usata in prova gratuita per 7 giorni.

Tables Test: imparare le tabelline giocando

Tables Test è un utile sito web che aiuta a imparare le tabelline giocando.

In pratica, avviando il test, viene suggerita una serie di 10 domande sulla moltiplicazione e si deve scegliere tra 10 risultati quello giusto cliccando con il mouse.

Il sistema, suddiviso in vari livelli, tiene traccia degli errori e del tempo impiegato per rispondere alle domande.

Da registrati si può anche salvare i punteggi.

TablesTest è un’ottima offerta gratuita per far esercitare i bambini anche a scuola, magari con la LIM, in veri e propri tornei di matematica.

APPrendere: spunti creativi per l’informatica e la LIM a scuola

APPrendere è un sito rivolto a tutti quegli insegnanti che sono alla ricerca di qualche spunto creativo per l’utilizzo dell’informatica a scuola.

E’ organizzato in 4 sezioni:

  • “Non solo WORD”: proposte per attività da svolgere con la classe nel laboratorio informatico,
  • “LIM…portante”: i diversi utilizzi della LIM, gli strumenti utili, la documentazione della sperimentazione in corso in una classe prima
  • “APP per la scuola”: informazioni sulle app didattiche per iPad per insegnanti ed alunni
  • “Nella RETE”: una selezione di siti e link per informarsi, ispirarsi e riflettere sul mondo della scuola.

Completa il sito un’area “di servizio” riservata, destinata alle comunicazioni tra insegnanti e genitori che possono trovare “in rete” i compiti, gli avvisi e tutto ciò che riguarda la vita della classe.

Come clonare un cd e avviarlo senza metterlo nel lettore del PC

I nuovi testi scolastici, adeguandosi alle normative vigenti, presentano sempre più spesso guide per insegnanti e materiali didattici per allievi e studenti con CD allegati.

Dover consultare questi dischetti inserendoli di continuo nel lettore CD del computer personale, di classe o nella LIM è davvero noioso.

La soluzione esiste ed è davvero semplice: si tratta di clonare un CD ottenendo un’immagine ISO da salvare nel computer e lanciarla come fosse un normalissimo file senza dover più aprire il drive del PC.

Per fare ciò abbiamo bisogno di un paio di utility gratuite e molto semplici da usare.

Per creare immagini ISO esistono molti software, lo si può fare per esempiocon i programmi per la masterizzazione alla Nero.

Io vi consiglio di scaricare la versione portabile (che non richiede installazione) in Italiano di ImgBurn (link diretto per il download): un programmino semplicissimo da usare.

Fate doppio clic sul file ottenuto dal download ed otterrete una cartella da cui lanciare il software, il quale riconoscerà subito il CD inserito nel lettore del computer.

Basterà cliccare sul pulsante crea l’immagine di un disco, scegliere la cartella di destinazione e procedere alla creazione dell’immagine ISO, ossia il file che contiene l’intero contenuto del CD o DVD.

A questo punto servirà un emulatore, ossia un software in grado di aprire il clone del CD.

Scaricate la versione portabile WinCDEmu, lanciate il programma, cliccate sul pulsante mount another image, caricate il vostro ISO e si aprirà magicamente la classica finestrina AutoPlay di Windows che vi chiede come volete aprire i file quando si mette un CD nel lettore.

Selezionate il vostro CD virtuale e il gioco è fatto.

Ricordate anche che con un normale software per masterizzare potete creare una o più copie esatte di CD o DVD proprio a partire dalla sua immagine ISO, anche con il nostro ImgBurn.


Seguimi:

Web 2.0 e Scuola

maestroalberto 2.0 maestroalberto.it
Se cerchi notizie sui social, la didattica digitale e il Web 2.0 clicca sul bottone sopra

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

Ricerche Internet

Blogroll