Archivio per la tag 'normativa'

Finanziaria: i principali provvedimenti per la scuola

Ecco i principali punti qualificanti per la scuola contenuti nella manovra finanziaria (dal comunicato stampa in Primo Piano del MPI):

PRECARI. Assunzione di 150 mila nuovi docenti e 20 mila Ata, amministrativi tecnici ausiliari, in 3 anni dal 2007 al 2010. Blocco delle graduatorie permanenti dal 1 gennaio 2010 e attivazione di nuove regole di reclutamento del personale docente per evitare la formazione di nuovo precariato.

EDILIZIA SCOLASTICA. Stanziati 250 milioni di euro in tre anni. Regioni ed enti locali attiveranno ciascuno finanziamenti di pari importo per l’edilizia scolastica. Solo a seguito di questi patti di intervento finanziati per un terzo dallo Stato un terzo dalle Regioni e un terzo dagli enti locali potrà essere concessa la proroga per la messa a norma degli edifici fino al 2009.

OBBLIGO DI ISTRUZIONE A 16 ANNI. L’obbligo scolastico verrà elevato a 16 anni con l’istituzione di un biennio unitario e il conseguente innalzamento dell’età per l’accesso al lavoro dai 15 ai 16 anni.

AUTONOMIA SCOLASTICA. Il Ministero attribuirà direttamente alle scuole la somma per le autonomie scolastiche, portandola da 100 milioni di euro a 2 miliardi e 700 milioni. I fondi serviranno per il funzionamento amministrativo e la gestione dei servizi.

LIBRI DI TESTO. Per ridurre i costi delle famiglie è autorizzato il noleggio dei libri di testo da parte delle istituzioni scolastiche, delle reti di scuole e delle associazioni di genitori. La Finanziaria estende poi le agevolazioni sull’acquisto dei libri di testo previste per le scuole medie inferiori anche al biennio delle superiori.

CLASSI PRIMAVERA. Per consolidare l’offerta educativa e per venire incontro alle esigenze delle famiglie verranno istituite classi primavera dedicate ai bambini fra i 2 e i 3 anni secondo un progetto educativo a cui il ministero contribuisce con personale adeguatamente formato, d’intesa con gli enti locali, in via sperimentale.

INSEGNANTI DI SOSTEGNO. Progressivo superamento dell’astratto parametro di 1/138 (un insegnante di sostegno ogni 138 studenti sani) si passerà ad una individuazione del numero degli studenti diversamente abili aventi effettivamente diritto tramite lo stretto raccordo e la verifica tra banche dati ASL e uffici scolastici regionali.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA. Stanziati 30 milioni di euro l’anno a sevizio degli studenti e introdotta la defiscalizzazione di 1000 euro per tutti gli insegnanti, anche quelli con incarico per un anno, per la spesa effettuata per l’acquisto di personal computer.

SCUOLE PARITARIE. Ripristinato il fondo per le scuole paritarie tagliato dal governo Berlusconi in modo particolare per le scuole materne.

ISTRUZIONE TECNICA. Per la prima volta gli IFTS, Istruzione Formazione Tecnica Superiore, faranno parte dell’Ordinamento nazionale dell’Istruzione. Si tratta di un’offerta formativa post-diploma ad alta specializzazione, alternativa al percorso universitario, la cui promozione servirà a valorizzare la cultura tecnico scientifica.

CENTRI PROVINCIALI PER L’ISTRUZIONE DEGLI ADULTI. anche l’educazione degli adulti entra a far parte dell’Ordinamento nazionale dell’Istruzione. Viene quindi rafforzata e qualificata l’offerta per il recupero scolastico degli adulti, l’alfabetizzazione degli stranieri e per aiutare e sviluppare la formazione lungo tutto l’arco della vita.

SVILUPPO AUTONOMIA SCOLASTICA. Dalla riorganizzazione e razionalizzazione di 19 enti di servizio nascerà l’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica con compiti di ricerca su educazione, pedagogia, formazione del personale della scuola, collaborazione con enti locali e Regioni e sinergie anche a livello internazionale a sostegno e sviluppo dell’autonomia delle scuole.

Vengono poi introdotte norme innovative per superare il contenzioso relativo al reclutamento dei dirigenti scolastici e per accelerare le procedure di nomina.

Rassegna stampa 3 ottobre 2006

Fioroni promuove la Finanziaria, “Sicurezza e obbligo a 16 anni”
[Il ministro della Pubblica istruzione si ritiene “soddisfatto” della manovra
E spara sulla Cdl: “Hanno una visione da Pulp Fiction. Spero si ravvedano”]
Repubblica, Scuola & Giovani

Il figlio non va a scuola?
La Cassazione: genitori assolti

[La sentenza della Cassazione: annullata la condanna per due genitori
“A patto che il rifiuto sia categorico, cosciente, assoluto, volontario” – Per il Codacons si tratta di una sentenza assurda che legittima l’evasione scolastica]
Repubblica, Scuola & Giovani

Scuola: Gilda, non rispettati i termini del contratto biennale
”Non solo il contratto quadriennale è scaduto da quasi dieci mesi e il governo non ha compiuto ancora nessun passo ufficiale per l’apertura delle trattative, ma nelle retribuzioni dei docenti mancano ancora circa una trentina di euro, relativi al contratto biennale concluso lo scorso settembre”. E’ quanto denuncia il coordinatore nazionale della Gilda insegnanti Rino Di Meglio, che ha inviato una nota al ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni e all’Aran.
Adnkronos, Cultura e Scuola

Anno Scolastico 2005-06: le dieci novità per alunni e professori

Esami di Stato. La novità più importante per studenti e genitori (per il momento soltanto annunciata) riguarda gli esami di Stato. Il prossimo mese di giugno, circa 500 mila studenti delle scuole superiori italiane potrebbero fare i conti la maturità modello Fioroni che, per ridare credibilità all’esame, ha pensato al ritorno dei commissari esterni (in numero pari ai membri interni). Ritorna anche l’ammissione all’esame, finora (quasi) automatica per chi frequenta il quinto anno, mentre il presidente dovrà sovrintendere agli esami di due classi. Queste le novità più importanti.

Riforma delle superiori. Uno dei primi atti del neo ministro della Pubblica istruzione, Giuseppe Fioroni, è stato il blocco della riforma della scuola secondaria di secondo grado. Gli otto licei pensati dall’ex titolare dell’Istruzione, Letizia Moratti, e il passaggio dell’istruzione professionale alle regioni è stato ‘surgelato’. Niente sperimentazione, quindi, almeno per il 2006/2007. Istituti tecnici e professionali non saranno ‘licealizzati’.

Torna la pagella. L’annosa questione del tutor nella scuola dell’infanzia (l’ex materna), primaria (ex elementare) e media è stato finalmente chiarito. E’ passata la richiesta dei sindacati di categoria che chiedevano la cosiddetta contrattualizzazione (accordo con i sindacati per quello che riguarda gli aspetti economici e organizzativi) della funzione. Al momento il tutor è stato ‘sospeso’ e con esso anche il portfolio delle competenze e le schede di valutazione che hanno fatto tanto penare gli insegnanti. Si ritorna quindi alle pagelle con la scheda separata per la valutazione della Religione.

Anticipi. Non dovrebbe essere più possibile, a meno che non siano presenti tutte le condizioni previste dalla norma, iscrivere i bambini di due anni e mezzo alla materna. Lo ha ribadito il titolare di viale Trastevere nel provvedimento sull’avvio dell’anno scolastico 2006/2007. In barba ai protocolli d’intesa fra comuni e Uffici scolastici regionali, alle disponibilità in organico e alle liste d’attesa nel 2005/2006 i piccoli ‘portoghesi’, come sono stati chiamati dai sindacati, sono stati 26 mila.

Diplomifici. La lotta ai diplomifici è stata una delle prime mosse del nuovo inquilino di Palazzo della Minerva. Nel corso dell’ultima maturità una task force di ispettori ha controllato gli esami, soprattutto nelle scuole paritarie e annullando la prova a centinaia di studenti. Soprattutto esterni e saltanti che non erano in possesso dei requisiti. Durante le ispezioni sono state revocate anche un certo numero di parità scolastiche.

Orario di lezione
. Viene abolito, spiegano i sindacati, ‘l’orario spezzatino’: le 27 ore obbligatorie più 3 opzionali e l’eventuale orario per la mensa. Da quest’anno si ritorna alle 30 ore settimanali alla media e all’orario ante Moratti all’elementare.

Autonomia scolastica. E’ stata aumentata potenziata la cosiddetta Autonomia scolastica. Il ministro Fioroni ha raddoppiato la quota oraria che le scuole possono, in nome dell’Autonomia, autogestire portandola dal 10 al 20 per cento del monte ore annuo. Un passaggio che consente agli istituti di ‘personalizzarè l’offerta formativa più di quanto non fosse possibile in passato.

Valutazione Invalsi. Salta la tanto discussa valutazione Invalsi, obbligatoria per tutti gli istituti del territorio nazionale, che in futuro sarà rivista e diventerà campionaria. Saranno gli alunni delle scuole elementari, medie e superiori di un campione di scuole italiane a svelarci quanto è in grado di produrre il sistema di istruzione e formazione italiano.

Provveditorati agli studi. Tutti li continuano a chiamare Provveditorati, ma negli ultimi anni sono stati oggetto di due modifiche. La prima circa 5 anni fa li ha trasformati in Centri servizi amministrativi (Csa) e un paio di settimane fa hanno cambiato ancora denominazione: con un recente direttiva il ministro Fioroni li ha trasformati in Uffici scolastici provinciali: ritornando più o meno ai provveditorati.

Edilizia. E’ una delle novità più ‘pesanti’ lasciata in eredità dallo scorso Esecutivo. Quest’anno, per la prima volta dopo dieci anni, circa metà degli oltre 7 milioni e 700 mila alunni saranno ospitati in scuole ‘fuorilegge’. Il termine ultimo per adeguare gli edifici scolastici alle norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro sono scadute lo scorso 30 giugno e il ministro Fioroni non ha voluto ulteriori proroghe. Di qualsiasi incidente dovesse accadere a scuola risponderanno gli enti locali preposti alla gestione dell’edilizia scolastica. Ma comuni e province pur volendo non hanno i fondi per adeguare tutte le scuole. Secondo le ultime stime mancherebbero all’appello da 4 a 7 miliardi di euro.

Tratto da Repubblica on line.

Le principali novità per l’anno scolastico 2006-07

Con una nota del 31 agosto il Ministro presenta le novità per l’anno scolastico che sta per iniziare.

La norma vuole fare chiarezza su ciò che è in vigore e ciò che invece non lo è più nell’ordinamento scolastico. Le principali novità riguardano tutor, portfolio e anticipi.

La nota, illustrata ai sindacati, è stata messa in rete accompagnata da una di lettera a docenti e dirigenti, per chiarire a scuole e insegnanti cosa fare di quanto previsto dalla riforma Moratti.

TUTOR – Le disposizioni su questa figura prevista dalla riforma Moratti sono state disapplicate. Tutte le funzioni che erano state individuate per il tutor rientrano – hanno spiegato i sindacati illustrando i contenuti del provvedimento elaborato da viale Trastevere – nell’attività, nelle funzioni e nell’orario di servizio di tutti gli insegnanti e saranno svolte in base all’autonomia scolastica.

PORTFOLIO – Le scuole non dovranno procedere alla compilazione del portfolio. Si precisa che ogni forma di documentazione riferita al percorso degli alunni può essere utilizzata dalle scuole a fini educativi, ma è tassativamente escluso che possa valere ai fini della certificazione e della attestazione e dunque avere una valenza pubblica e amministrativa. Riguarda esclusivamente la relazione educativa alunno-insegnante-genitore, in linea, peraltro, con le raccomandazioni dell’Autorità Garante della Privacy.

VALUTAZIONE – La valutazione e la relativa documentazione sono di competenza di tutti i docenti; l’attestazione dei traguardi intermedi – nei passaggi da un periodo didattico all’altro, ad esempio – sono affidati a semplici schede di valutazione; i modelli valutativi saranno gli stessi utilizzati prima della riforma; la certificazione delle competenze sarà proposta, in via sperimentale, solo per l’ultimo anno del primo ciclo di istruzione.

INDICAZIONI NAZIONALI – Mantengono un carattere transitorio in attesa dei lavori di revisione da parte di una apposita commissione già incaricata. Si prevede che gli insegnanti, nell’ambito dell’autonomia didattica e progettando i Piani dell’Offerta Formativa, possano operare compensazioni tra le varie discipline, introdurne di nuove, ampliare tempi e spazi di approfondimento anche in relazione all’incremento della quota di flessibilità oraria passato dal 15% al 20%.

ORGANICI – E’ spostato – sempre secondo quanto hanno riferito i sindacati – all’anno scolastico 2008/2009 il termine per la revisione degli organici del personale docente della scuola secondaria di primo grado.

ANTICIPI SCUOLA DELL’INFANZIA – In mancanza di una definizione di nuove professionalità e delle modalità organizzative la circolare stabilisce che non saranno adottati, a livello centrale, provvedimenti sugli anticipi.

Fonte: Repubblica

Si evince molto chiaramente che:

  1. non ci sarà più nessun tutor;
  2. non si dovrà procedere alla compilazione del portfolio;
  3. non ci sarà nessuna applicazione generalizzata degli anticipi.

Alcuni capisaldi della riforma Moratti, oggetto di molte controversie in ambito scolastico, vengono così superati..

Scarica i documenti:
Lettera Ministro A Insegnanti E Dirigenti Scolastici PDF
Nota 31 agosto 2006 PDF

Calendari anno scolastico 2006-2007

I calendari regionali per l’anno scolastico 2006-2007 sono pronti.

Il quadro completo, regione per regione, può essere consultato nello speciale di Tecnica Della scuola, dove è possibile anche scaricare le delibere delle singole regioni.

Portfolio: finalmente un po’ di chiarezza?

Dopo un anno, come quello passato, trascorso all’insegna del “portfolio fai da te”, dopo le lamentele di insegnanti, dirigenti (poche) e i reclami dei genitori, singoli ed organizzati, ecco che prima il Garante per la Privacy e conseguentemente il Miur, opportunamente chiamato in causa, forniscono indicazioni più chiare per la compilazione del “famigerato” documento.

Il Garante, con un provvedimento risalente al luglio 2005, per evitare che il Portfolio si traduca in “una sorta di schedatura dannosa”, ha chiesto in buona sostanza più privacy per gli alunni e le loro famiglie. In un comunicato stampa, si spiega che “nel Portfolio, o cartella delle competenze individuali, dovranno essere inseriti solamente dati personali pertinenti e necessari per la valutazione e l’orientamento dell’alunno. I dati più delicati, in grado di rivelare particolari condizioni come lo stato di adozione o malattie, potranno essere annotati solo se strettamente indispensabili per la valutazione e l’orientamento dell’alunno”.

Ogni istituto scolastico è invitato ad adottare “opportune misure per prevenire la raccolta di dati non necessari e per informare i genitori sul trattamento dei dati degli alunni”. Alle famiglie, dunque, devono essere garantiti tutti i diritti riconosciuti dal Codice per la privacy (vedi l’intero provvedimento e la dichirazione del relatore).

Sulla base di questi suggerimenti il Miur ha elaborato le linee guida per l’elaborazione e l’impiego del Portfolio nella scuola dell’infanzia e nel primo ciclo di istruzione, nella Circolare ministeriale n. 84 del 10 novembre 2005 (fonte EdScuola, fonte Tecnica della Scuola).
Nel testo il Ministero comunica di voler provvedere a redigere un Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari relativi agli studenti e al personale scolastico, in modo che esso possa essere formalmente adottado da ogni istituzione scolastica entro il 31 dicembre 2005.

Molto importante è l’allegato che contiene la modulistica e alcune note sulla struttura del Portfolio, sulla parte obbligatoria a struttura predefinita non modificabile, su quella obbligatoria a struttura libera e su quella consigliata a struttura libera.

Come si evince, il documento è stato suddiviso in tre parti e nella circolare se ne evidenziano le funzioni, le relative competenze ed i criteri per la sua compilazione. Le scuole ancora una volta avranno il loro bel da fare, a livello di commissioni e di Collegio Docenti, per operare scelte sulle parte opzionali, quelle consigliate e quelle a struttura libera. Ci sarà anche qualcosa da buttare e molto da rifare dei portfoli dell’anno passato.

Da una prima lettura del testo ministeriale si può prevedere che purtroppo le polemiche non sono destinate ad esaurirsi, poiché nel modello del Documento di Valutazione proposto in allegato, è incluso (e non è fornito in una scheda separata, come avveniva fino all’anno scolastico precedente l’introduzione del Portfolio) anche il giudizio di valutazione della Religione Cattolica. Si richiede inoltre anche di specificare le attività alternative a tale insegnamento. Nel modello proposto viene meno, a mio avviso, l’esplicita richiesta del Garante di omettere “informazioni particolarmente delicate sull’alunno” che possono riguardare, tra le altre cose, anche “il credo religioso”.

La speranza di tutti è di arrivare ad avere finalmente indicazioni certe, chiare e trasparenti, tali che il nuovo documento possa essere condiviso dagli allievi e le loro famiglie, dalle scuole che lo adottano, dai docenti che lo redigono e che, di conseguenza, possa compiacere anche il legislatore che lo emana.


Seguimi:

Web 2.0 e Scuola

maestroalberto 2.0 maestroalberto.it
Se cerchi notizie sui social, la didattica digitale e il Web 2.0 clicca sul bottone sopra

Fanpage

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

Ricerche Internet

Blogroll