Archivio per la tag 'internet'

Diventa un fumettista provetto con ToonDoo

Spesso su questo blog ho recensito servizi simili (Commix, Comic Juice… ) e devo dire che mi piacciono davvero tanto. L’ultimo arrivato è ToonDoo.

Si tratta di un un’applicazione che consente di creare vignette online molto facilmente ed in modo divertente con la tecnica del drag and drop.

Si dispone di ricchissimi e colorati sets di immagini, cliparts, sfondi, nuvolette, oggetti e altri elementi grafici da inserire attraverso un comodo generatore. Si possono caricare anche immagini personali e aggiungere testo alle nuvolette dei nostri personaggi.

La striscia di fumetto ottenuta può essere condivisa nella community dove gli altri utenti possono aggiungere commenti ed inserita in un blog o in una pagina web attraverso un codice da copiare ed incollare.

Perfetto per far divertire anche i bambini più piccoli che possono facilmente giocare a trasformasi in provetti ed abili fumettisti.

Dschola TV: la scuola ai tempi di YouTube

Da insegnante sono proprio stanco di sentire continuamente notizie sul bullismo, spesso stravolte e strumentalizzate dai media.

Si demonizza il mezzo (il cellulare, internet), le colpe ricadono sulla scuola, come se fosse l’unica istituzione a cui demandare l’educazione dei nostri figli. Troppo comodo e poco costruttivo.

Proprio dal mondo della scuola arriva un’iniziativa intelligente e al passo con i tempi, che coglie in pieno lo spirito della condivisione di contenuti in rete e che mira a offrire una serie strumenti ed applicazioni (blog, wiki, video sharing) in pieno spirito web 2.0.

Dschola è un importante progetto italiano che così si presenta al pubblico:

“Dschola, da anni impegnata nella promozione dell’uso delle ICT nella Didattica, propone un’iniziativa per stimolare un uso positivo dei nuovi mezzi di comunicazione e di informazione digitali.

Gli strumenti digitali non sono di per sè cattivi, demonizzarli e vietarli non risolve certamente il problema. Più utile è, forse, provare a proporre ed incentivare usi ositivi degli stessi: questo è esattamente quello che Dschola TV intende fare.

Dschola TV ricerca, recensisce e propone buone pratiche di uso dei media digitali e del video sul web per promuove iniziative specifiche per far emergere l’utile, l’educativo e lo stimolante, in sintesi le oppurtunità che la rete e il digitale offrono ai ragazzi.

Dschola TV si rivolge alle scuole, alle istituzioni ma sopratutto ai giovani: sono loro, infatti, i veri protagonisti ed i migliori analisti della rivoluzione comunicativa che ci sta interessando.

Proprio ai giovani, ai giovanissimi Dschola tv chiede di mettersi in gioco e nel senso letterale dl termine “far vedere” che è possibile fare un uso intelligente delle nuove tecnologie.”

L’iniziativa è da plauso, vedremo col tempo se scuola, studenti e insegnanti, saranno realmente interessati ad avvicinarsi al servizio e a decretarne il successo.

Vedi anche: TeacherTube: lo YouTube per insegnanti

Percorso didattico: viaggio nell’Antico Egitto

Grazie a Midisegni scopro questo bel percorso didattico online, per cercare informazioni su vari aspetti della civiltà egizia.

Nelle pagine del percorso si devono trovare le risposte alle 12 domande proposte dal gioco.

Ogni risposta esatta è un passo verso la camera del sarcofago, nascosta all’interno della Grande Piramide. Per giungervi, non si devono commettere errori.

Come aiuto si dispone della possibilità di visualizzare le pagine della libera enciclopedia Wikipedia sugli argomenti proposti.

Parlando di Antico egitto, ne approfitto per segnalare la possibilità di effetture un incredibile viaggio virtuale in 3 dimensioni con Google Earth fin dentro la tomba del faraone Tutankhamon (via Google Mapping Blog).

Imparare l’alfabeto inglese con le foto

AlphaLearnr è un’applicazione online che aiuta i bambini (e non solo…) ad imparare l’alfabeto inglese e alcune facili parole attraverso le foto ospitate sul famoso servizio per l’immagazzinamento delle immagini Flickr.

Si clicca su una lettera (per esempio la B) e alla parola inglese (butterfly, farfalla) saranno associate alcune foto che la rappresentano.

Rassegna di siti web (gli articoli che non ho scritto)

Nella navigazione in Rete, nel lavoro, attraverso la posta elettronica, tramite le segnalazioni che mi pervengono di indirizzi web da inserire in Ricerche Maestre, vengo a conoscenza di una quantità industriale di siti.
Mi ripropongo di dedicare ad alcuni di loro, i più interessanti, un post in Maestro Alberto, ma mi accorgo che non ce la faccio a stare dietro a tutto. Per compensare alla mancanza segnalo qualche link al volo:

  • Semplicemente Musica, ottimo sito di attività didattiche per la musica e di risorse sulla disciplina, a cura di Stefano Rocchetti, diplomato al conservatorio, e collaboratore per le Edizioni Didattiche Gulliver;
  • Quadernone blu, blog del maestro Renato Murelli, veterano nel campo del software didattico per bambini, pieno di risorse e di recensioni non soltanto su questo tema;
  • Tux Typing, software educativo per bambini gratuito per imparare assieme al pinguino Tux a velocizzare l’uso della tastiera tramite esercizi-gioco suddivisi su livelli di crescente difficoltà;
  • Stop Disasters, un gioco online a sfondo ecologico educativo che simula eventi catastrofici (tsunami, terremoti, incendi…) ed insegna e aiuta a prevenirli. Ne ha parlato anche il TG1 in prima serata. Purtroppo ancora solo in inglese;
  • Kids Psych, sito web interattivo coloratissimo e musicale che contiene attività educative sotto foma di divertente gioco per i più piccini (bambini da 1 a 5 anni) e per i più grandicelli (fino a 9 anni);
  • Kids Domain, dal famoso portale per bambini, una lunghissima lista di software gratuiti suddivisi per argomento, alcuni davvero obsoleti, ma spulciando si possono fare incontri molto interessanti.

Provate a dare un’occhiata, non ve ne perntirete di certo!

Religione 2.0: insegnare religione con il web 2.0


L’amico Homo Noeticus ha appena lanciato il suo nuovo blog Religione 2.0. Ce lo presenta così:

“Uno strumento per fornire idee e risorse per l’insegnamento della religione nelle scuole e non solo. Il presupposto è che il web 2.0 cominci ad entrare anche in questa dimensione, basti pensare a Bible Map o eBible per quanto riguarda la Bibbia, ma anche a tutta una serie di applicazioni per creare mappe concettuali o ancora giochi interattivi su temi legati alla religione”.

“Spero che questo blog possa essere un valido strumento per aggiornare tanti colleghi sulle nuove tecnologie e uno strumento di informazione per tutti quelli che sono sensibili a questa tematica”.

Sopra la mind map di “Religione 2.0″ che chiarisce meglio lo scopo del blog. Per vederla in formato interattivo cliccaci sopra.

In bocca al lupo, Luca!


Seguimi:

Web 2.0 e Scuola

maestroalberto 2.0 maestroalberto.it
Se cerchi notizie sui social, la didattica digitale e il Web 2.0 clicca sul bottone sopra

Fanpage

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding

Ricerche Internet

Blogroll