Archivio per la tag 'grafica'

Coding Unplugged e Pixel Art: la scheda di Carnevale di Colombina

Il Maestro Alberto presenta un’altra attività di condingunplugged e pixel art dedicata al Carnevale: la scheda della maschera di Colombina, che va a fare compagnia a quelle di Arlecchino, di Pulcinella e di Brighella.

Si tratta di una mia reinterpretazione della famosa maschera femminile veneziana della commedia dell’arte in pixel art.

L’immagine, molto semplice, è sviluppata in una griglia da 25X15 ed è formata pertanto da 375 pixel.

Il disegno è composto da 7 colori, bianco incluso, con un solo pixel nero, che possono essere personalizzati a piacere, soprattutto nelle tonalità, oppure cambiati completamente a seconda dei gusti personali, in particolare nello sfondo grigio.

Perfetto per un lavoretto facile di Carnevale delle classi di scuola primaria ma anche per puro e semplice svago in famiglia a casa come passatempo creativo ed istruttivo.

Sotto si possono prelevare le schede in PDF con le griglie e il codice pronto.

L’immagine è valida anche per comporre l’addobbo di una vetrata della scuola o come schema per realizzare composizioni con le Pyssla e con le perline Hama.

Ecco il lavoro svolto (metri 7 X 2.5 abbondanti) sulla vetrata della scuola Collodi di Sansepolcro (AR):

Le schede di tutte le maschere di Carnevale in Pixel Art si possono scaricare a questo link: schede maschere di Carnevale in Pixel Art 

Coding Unplugged e Pixel Art: la scheda di Carnevale di Brighella

Ecco un’altra attività di condingunplugged e pixel art dedicata al Carnevale: la scheda della maschera di Brighella che va a fare compagnia a quelle di Arlecchino e di Pulcinella.

Si tratta di una mia reinterpretazione del personaggio in pixel art, non semplice, considerato il numero limitato di pixel che ho voluto adoperare.

L’immagine è sviluppata in una griglia da 25X16 ed è formata pertanto da 400 pixel.

Il disegno è composto da 5 colori soltanto, bianco incluso, che possono essere personalizzati a piacere principalmente nelle tonalità o cambiati del tutto a seconda dei gusti personali, soprattutto nello sfondo grigio o nel colore delle scarpe e della bisaccia.

Adatto per un lavoretto facile di Carnevale delle classi di scuola primaria e anche per divertirsi in famiglia a casa con un passatempo creativo ed istruttivo.

Sotto si possono prelevare le schede in PDF con le griglie e il codice pronto.

L’immagine è valida anche per comporre l’addobbo di una vetrata della scuola o come schema per realizzare composizioni con le Pyssla e con le perline Hama.

Le schede di tutte le maschere di Carnevale in Pixel Art si possono scaricare a questo link: schede maschere di Carnevale in Pixel Art 

Coding Unplugged e Pixel Art: la scheda di Carnevale di Pulcinella

Presento un’altra attività di condingunplugged e pixel art dedicata al Carnevale: la scheda della famosa maschera di Pulcinella che va a fare coppia con quella altrettanto celebre di Arlecchino.

L’immagine è sviluppata in una griglia da 25X16 ed è formata quindi da 400 pixel.

Il disegno è composto da 4 colori soltanto, bianco incluso, che possono essere personalizzati a piacere nelle tonalità o cambiati del tutto a seconda dei gusti personali, soprattutto nello sfondo grigio.

Perfetto per un lavoretto facile di Carnevale delle classi di scuola primaria, ma anche per divertirsi a casa in famiglia con  qualcosa di creativo ed istruttivo.

Sotto si possono prelevare i PDF con le griglie e il codice pronto.

L’immagine è buona anche per comporre l’addobbo di una vetrata della scuola o come schema per realizzare composizioni con le Pyssla e con le perline Hama.

Ecco il lavoro svolto (metri 1.6 X 2.5 abbondanti) sulla vetrata della scuola Collodi di Sansepolcro (AR):

Ecco l’addobbo con me che sono alto un metro e novanta per rendere l’idea delle dimensioni:

Infine la coppia Arlecchino e Pulcinella:

Le schede di tutte le maschere di Carnevale in Pixel Art si possono scaricare a questo link: schede maschere di Carnevale in Pixel Art 

Coding Unplugged e Pixel Art: la scheda di Carnevale di Arlecchino

Ecco un’altra attività di condingunplugged e pixel art dedicata al Carnevale: la scheda della celebre maschera di Arlecchino e ispirata al lavoro di Arlec-coding, che ho modificato ed adattato per lavorare su carta.

L’immagine è sviluppata in una griglia da 25X15 ed è formata quindi da 375 pixel.

Il disegno è composto da 8 colori, bianco incluso, che possono essere personalizzati a piacere nelle tonalità o cambiati del tutto a seconda dei gusti personali.

Ottimo per un lavoretto di Carnevale delle classi di scuola primaria, ma anche per divertirsi a casa in famiglia facendo qualcosa di creativo ed istruttivo.

Sotto si possono prelevare i PDF con le griglie e il codice pronto.

Buono anche per l’addobbo di una vetrata della scuola o da utilizzare come schema per realizzare composizioni con le Pyssla e con le perline Hama.

Ecco il lavoro svolto (metri 1.5 X 2.5) sulla vetrata della scuola Collodi di Sansepolcro (AR):

La coppia Arlecchino e Pulcinella:

E infineil lavoro svolto (metri 7 X 2.5 abbondanti):

Le schede di tutte le maschere di Carnevale in Pixel Art si possono scaricare a questo link: schede maschere di Carnevale in Pixel Art 

Tinkercad: applicazione di stampa e progettazione 3D dal semplice utilizzo per bambini e ragazzi

Tinkercad è un’applicazione di stampa e progettazione 3D online dal semplice utilizzo adatta a tutti e in particolar modo ai bambini, sia in ambito scolastico sia come semplice attività ludico-didattica per il disegno tridimensionale.

Si tratta di un software interamente basato sul web prodotto da Autodesk, del tutto  gratuito che non necessita di installazione: basta un semplice browser e un accesso ad internet.

Tinkercad è utilizzato anche da insegnanti e bambini per creare di tutto: oggetti da stampare in 3D di vario genere, giocattoli, modelli Minecraft, personaggi dei Pokémon, fidget spinner fai-da-te, modelli di mattoncini in stile Lego e via dicendo. 

Insomma si può creare di tutto in base alle proprie esigenze e alla fantasia, da gioielli a oggetti per l’arredo della casa o della scuola, con possibilità davvero illimitate.

Una volta registrati alla piattaforma, attraverso un intuitivo editor di modellazione 3D si può iniziare ad usare le forme, ovvero i blocchi di costruzione di Tinkercad, che permettono di aggiungere o rimuovere materiale.

È anche possibile importare forme personali (anche in 2D) o lavorare con quelle già presenti sul sito.

Esse possono essere spostate, ruotate, modificate e immesse liberamente nello spazio con precisione, utilizzando i vari strumenti a disposizione.

Infine possono essere combinate e raggruppate in serie per realizzare modelli più complessi e dettagliati.

Logicamente non è necessario conoscere il complesso CAD per creare e stampare modelli 3D comunque di tipo  professionale, basta dare un’occhiata alla galleria degli oggetti realizzati dagli utenti per rendersene conto.

Tinkercad supporta tutte le stampanti 3D sul mercato che accettano il formato file STL standard. Possono anche essere scaricati file VRML per la stampa a colori.

Inoltre, grazie all’integrazione diretta con i principali servizi di stampa di terze parti, si può progettare in Tinkercad e e farsi spedire le stampe direttamente a casa.

Tinkercad consente infine l’esportazione di file nel formato SVG adatto per il taglio laser. Il software infatti permette di sezionare un modello e di tagliarlo successivamente al laser.

La piattaforma può essere usata dagli insegnanti a scuola e già contiene molti percorsi educativi da cui attingere per la didattica in classe o a distanza.

Gli insegnati infatti possono creare un account e creare un codice di invito alla pagina in cui stanno lavorando e  condividerlo con gli studenti. 

Segnalo inoltre Tinkercad Circuit, un’altra offerta della piattaforma dedicata ai costruzione di circuiti con Arduino.

Su YouTube si trovano un sacco di video tutorial anche in Italiano. Sotto ne inserisco uno a titolo esplicativo.

In definitiva Tinkercad offre tutto il necessario per iniziare un’esperienza di stampa e progettazione 3D sia a livello personale, sia a livello didattico-educativo.

Inoltre, considerata la diffusione sempre più capillare delle stampanti 3D e vista la nascita e lo sviluppo dei cosiddetti atelier creativi nella scuola italiana in seguito ai progetti PON, la piattaforma si presta perfettamente per un approccio alla stampa 3D in ambito scolastico.

Insomma, un sito per nuovi fantasiosi inventori che hanno voglia di divertirsi ed apprendere con qualcosa di istruttivo!

Colorglyph: un sito dove creare, condividere e trovare grafiche originali in pixel art

Colorglyph è un sito dove creare, condividere e trovare grafiche originali pixel art in stile retro.

Gli utenti possono creare disegni pixelati, detti glyph, e condividerli nel portale come in un gioco attraverso un apposito editor raggiungibile cliccando sull’icona + (previa registrazione anche attraverso i profili social).

All’interno del portale si possono creare figure e scambiarle con altri utenti in modo da ampliare il proprio profilo e ottenere nuovi colori con cui giocare migliorando la propria palette di colori appunto.

Il tutto avviene come in una sorta di mercato virtuale dotato di cripto moneta o, se preferite, come si fa da bambini quando si scambiano le figurine, essendo esse stesse una sorta di moneta.

Tuttavia, oltre all’aspetto ludico e social, Colorglyph è un’autentica miniera dove scovare grafiche originali in pixel art divertendosi.

Perfetto anche per gli insegnanti alla ricerca di idee per i propri progetti di coding unplugged e pixel art e per gli amanti delle pyssla e delle perline hama.

I giochi di compravendita virtuale come Colorglyph sono una nuova tendenza della rete. Vedi per esempio anche CryptoPunks e NeonMob, giochi basati anch’essi su mezzi di scambio digitali tipo BitCoin e la cosiddetta cryptocurrency

Seguimi:


Ricerche Internet

Fanpage

Web 2.0 e Scuola

maestroalberto 2.0 maestroalberto.it
Se cerchi notizie sui social, la didattica digitale e il Web 2.0 clicca sul bottone sopra

Pixel Art

Pixel Art

Coding

Coding