Imparare la matematica giocando con CarrotSticks

carrotsticks

CarrotSticks è una nuova applicazione web che permette ai bambini di imparare la matematica giocando.

Offre infatti una serie di giochi multiplayer specifici per i ragazzi della scuola elementare.

E’ necessario registrarsi gratuitamente per consentire l’accesso ai bambini in un ambiente sicuro dove possono risolvere problemi matematici divertendosi e gareggiando con gli altri utenti online.

Le varie categorie dei problemi proposti sono suddivise in 25 livelli e si basano spesso sullo sviluppo della capacità di memorizzazione. Lo scopo dei giochi è raccogliere carote, scegliendo il tipo di operazione da svolgere e il grado di difficoltà per passare al livello successivo. Le gare sono davvero divertenti.

L’ambiente grafico di Carrot Sticks è piacevole, intuitivo e colorato, adatto al pubblico a cui si rivolge e il fatto che sia soltanto in Inglese non è certo un impedimento.

L’anonimato è garantito attraverso la creazione di avatar con i quali i bambini si propongono alla comunità con un profilo personalizzato. Il generatore di avatar è anche molto divertente da usare.

CarrotSticks è un servizio gratuito ma è anche possibile acquistare piani a pagamento in modo da far migliorare le capacità logico-matematiche dei nostri bambini.

Ci si può divertire anche senza registrarsi iniziando da questa pagina.

Via | maestroalberto | web 2.0 scuola nuove tecnologie

Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


2 Risposte a “Imparare la matematica giocando con CarrotSticks”

  1. marco dice:
    Pubblicato sabato 16 gennaio 2010 alle 12:50

    Ciao Alberto, ti segnalo la risposta italiana a fridgewatcher di cui avevi precedentemente parlato. E’ da pochissimo on line e il progetto consiste nel pubblicare fotografie del proprio frigorifero o in alternativa caricature o disegni e i post-it che spesso ci attacchiamo sopra.
    Saluti

  2. Maestro Alberto dice:
    Pubblicato sabato 16 gennaio 2010 alle 13:21

    Grazie

Lascia un commento




Il tuo commento: