La Roma antica in 3D su Google Earth



Una straordinaria opportunità di studio e di svago è offerta agli studenti, agli insegnanti e agli appassionati di storia da Google con Roma Antica in 3D, un fantastico viaggio virtuale attraverso Google Earth dove volare sulla città come appariva nel 320 d.C., esplorare gli interni di edifici famosi, visitare luoghi come il Foro Romano, il Colosseo e il Foro di Cesare in 3D, scoprire come vivevano gli antichi Romani.

In un apposito canale di YouTube, Roma Antica, è possibile visitare un archivio di video che la RAI ha messo a disposizione per il progetto.

Per gli insegnanti è stato allestito anche un bando, attraverso Google Educators, riguardo questo progetto.

Via | maestroalberto | web 2.0 scuola nuove tecnologie


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


5 Risposte a “La Roma antica in 3D su Google Earth”

  1. Lorena dice:
    Pubblicato giovedì 13 novembre 2008 alle 20:09

    Mi è parso che l’applicazione necessiti di ben 3Gb di memoria … ho visto male?

  2. Maestro Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 13 novembre 2008 alle 20:19

    non lo so con precisione ma google earth consuma decisamente un sacco di memoria, ci vuole un buon computer

  3. Lorena dice:
    Pubblicato giovedì 13 novembre 2008 alle 20:29

    Ho un buon pc con buona scheda video e due giga di memoria, mi è sembrato di leggere, però, all’interno di quelle finestre rosse che si aprono cliccando sui monumenti che indicasse come necessari i requisiti di cui parlavo nel precedente messaggio. Ho chiuso comunque l’applicazione perchè ho qualche problema di connessione, riproverò in un secondo momento.
    Ciao

  4. Maestro Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 13 novembre 2008 alle 21:19

    Secondo me i requisiti del tuo sistema sono più che sufficienti.

  5. blog.mypage.it | internet e bambini » Visitare la Roma Antica con Google Earth dice:
    Pubblicato venerdì 14 novembre 2008 alle 11:11

    […] Fonte: l’articolo di Maestro Alberto su Roma Antica […]

Lascia un commento




Il tuo commento: