Tenere i bambini lontano dal computer: un assurdità



no computer

Leggo su Il doposcuola alcune interessantissime considerazioni per chi vuol tenere i bambini lontano dall’informatica.

Tenere i bambini lontani dall’informatica è una scelta molto impegnativa, ecco allora un possibile decalogo per gli adulti che vogliono fanciulli “unplugghed”:

  1. Evitare la metropolitana di Torino (è comandata da un computer)
  2. Non usare automobili Euro 1,2,3,4,5 (per non inquinare i moderni motori sono controllati da un computer – chiamato “centralina”)
  3. Non usare automobili con ESP e ABS (la frenata e la sbandata sono controllate da un computer che non si vede ma ci salva la vita)
  4. Non usare imbarcazioni più grosse di un gommone (anche le barche a vela hanno sistemi informatici di navigazione satellitare sofisticatissimi)
  5. Non usare i navigatori satellitari ed il TelePass
  6. Niente TV digitale terrestre e satellitare, niente DVD e niente alte definizione (è tutto “digitale” e compresso con algoritmo informatico)
  7. Niente telefonini, Gameboy, Playstation e Xbox
  8. Niente iPod, Mp3, CD e radio (i dischi sono incisi e trasmessi in digitale)
  9. Niente lavatrice, frigorifero e forni a microonde con display e pulsantini (ammessi solo quelli con le manopole)
  10. Niente acquisti on-line, carta di credito e bancomat in presenza di bambini

Condivido totalmente l’intelligente provocazione di Dario Zucchini: fortunatamente i “nativi digitali”, indipendentemente dai consigli degli adulti, sapranno benissimo come cavarsela da grandi.


Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


5 Risposte a “Tenere i bambini lontano dal computer: un assurdità”

  1. Claudio dice:
    Pubblicato martedì 22 aprile 2008 alle 19:24

    Tanti saluti dall’apostrofo assurdo.
    Per il resto molto bene.Saluti

  2. CoRobi :: Bambini e informatica :: April :: 2008 dice:
    Pubblicato mercoledì 23 aprile 2008 alle 21:17

    […] dal blog del Maestro Alberto una interessante ed ironica disquisizione proveniente dal blog Il doposcuola, riguardante i […]

  3. Sivia dice:
    Pubblicato giovedì 12 giugno 2008 alle 17:50

    Rispondo con questa poesia che ho ideato per i miei piccoli alunni al PC.

    Computer amico mio

    Con me tante cose puoi fare,
    non è soltanto giocare.
    Ma se ti va certamente,
    potrai arricchire la tua mente.
    Cercare, indagare, studiare,
    hai molto da organizzare
    Con PAINT, WORD e di più,
    scoprirai un nuovo mondo anche tu!
    Ma attento a non esagerare,
    occhio al computer e a riposare
    Su Internet puoi navigare,
    ma con mamma e papà che ti stanno a guardare.
    Seduto composto e corretto
    e poi ti saluto e “a presto!”

  4. Maestro Alberto dice:
    Pubblicato giovedì 12 giugno 2008 alle 18:05

    🙂 🙂

  5. Prof. Roberto L. dice:
    Pubblicato lunedì 18 agosto 2014 alle 22:44

    Salve.
    Scusi ma non vedo una grande illuminazione nel suo elenco a punti.
    Innanzitutto il punto non è contestare la validità dell’elettronica nel contesto dell’evoluzione dell’uomo, ma l’interazione negativa che essa abbia con il cervello del bambino in determinate situazioni e “dosi”, e comunque sia, nella sua lista si annoverano alcune affermazioni date per scontate, ma che in realtà non lo sono affatto.
    Partirei innanzitutto facendo notare che l’informazione prevalente insediata nel web è tutt’altro che formativa per un giovane cervello, e tanto meno lo sono i “dischi” digitali che impestano con più prepotenza le varie “testate musicali” di internet.
    Per cercare qualcosa di qualitativo di musica classica, bisogna vagare nella cloaca dei rumori per decine di minuti, per poi approdare a dei limitati risultati. Pertanto per “fanciulli unplugged” io non definirei uno che non detiene il frigorifero, ma uno che non usa fessbuc, twitter, e le altre “attrazioni” di simil fattura.
    Inoltre:
    1) l’affermazione che l’abs salva la vita non è universale, ci sono altrettanti pareri, anche illustri, che non la pensano come lei. Naturalmente subendo questi un’azione “contro pubblicitaria”, per evidenti interessi economici in gioco, non hanno la stessa evidenza degli altri.
    2) l’affermazione che per inquinare meno (non inquinare con i carburanti non gassosi è IMPOSSIBILE) sia indispensabile l’elettronica, è un palese falso. si inquina molto di meno con un’auto a carburazione a gas che con un’auto a benzina euro 5 con sonda lambda e compagnia brava.
    3) per quanto riguarda le compere online impareranno a tempo debito, per ora, dato che i bambini educativamente sani non dovrebbero disporre di autorizzazione di comprare alcunché (né tantomeno di somme importanti in tasca).
    Oggigiorno, una innumerevole quantità di azioni che si potrebbero gestire manualmente in modo molto più veloce e diretto, si preferisce gestirle col computer.
    Chi le scrive è un utilizzatore avanzato del computer, che però ha compreso come non essere schiavizzato dall’elettronica, e quindi quando il computer non è necessario, o addirittura quando, ahimè, è deleterio.
    Saluti, Prof. Roberto L.

Lascia un commento




Il tuo commento: