Il 7 marzo sarà presentato in Italia l’OLPC, il pc portatile pensato per i bambini



olpc

Il 7 marzo sarà presentato per la prima volto in Italia, a Firenze, nella magnifica cornice del Salone de’200 di Palazzo Vecchio, l’OLPC (One Laptop per Child).

L’Istituto Majorana di Grugliasco (To) organizza per l’occasione, dalle ore 14.30 alle 18.00, la prima giornata di studio su OLPC, il computer per bambini di Negroponte, dal titolo “A computer donato… si guarda in bocca“, dove si saranno affrontate anche le prospettive del digital divide alla luce fenomeno emergente dei PC a basso costo basati su sistema operativo Linux.

Il famoso PC per i bambini del terzo mondo è stato sottoposto ad una completa serie di test presso i laboratori del Majorana e sarà messo a dura prova dai “nativi digitali” di una scuola primaria.

Forse i colleghi del Majorana, se ci saranno richieste da altri insegnanti in altre regioni, potranno allestire uno streaming live dell’importante evento.

Brochure Evento | scarica

Post correlati

Puoi lasciare una risposta, oppure fare un trackback dal tuo sito.


4 Risposte a “Il 7 marzo sarà presentato in Italia l’OLPC, il pc portatile pensato per i bambini”

  1. One laptop per child a Firenze « biblioragazzi dice:
    Pubblicato martedì 4 marzo 2008 alle 11:08

    […] dall’i interessante blog di Maestro Alberto che abbiamo iniziato a leggere di recente che finalmente anche gli italiani avranno […]

  2. One laptop per child a Firenze « AndreaTj Weblog dice:
    Pubblicato mercoledì 5 marzo 2008 alle 08:07

    […] dall’i interessante blog di Maestro Alberto che abbiamo iniziato a leggere di recente che finalmente anche gli italiani avranno l’occasione […]

  3. Franca dice:
    Pubblicato mercoledì 12 marzo 2008 alle 00:19
  4. Maestro Alberto dice:
    Pubblicato mercoledì 12 marzo 2008 alle 00:23

    Un vero copia incolla. Plagio scolastico!

    🙂

Lascia un commento




Il tuo commento:

Seguimi:


Ricerche Internet

Fanpage

Web 2.0 e Scuola

maestroalberto 2.0 maestroalberto.it
Se cerchi notizie sui social, la didattica digitale e il Web 2.0 clicca sul bottone sopra